Incontrare Marco Olmo: Storia Di Un Atleta Di Livello Mondiale (a 68 anni)

Il 22 aprile si è tenuta la seconda edizione del Laives Trail, una gara di trail running che offre due tracciati, uno di 51km e uno di 20km, che si snodano tra alcune delle più belle montagne dell’Alto Adige.

Tra il gremito gruppo di corridori professionisti che hanno preso il via a questa fantastica manifestazione, già alla partenza si poteva distinguerne uno più speciale degli altri. Mentre tutti si apprestavano a partire muniti di zaino, giacca a vento, gel e acqua, Marco Olmo, la leggenda del trail italiano, indossa il classico completo da maratoneta: per lui solo una maglietta e un paio di pantaloncini, per viaggiare leggeri e muoversi veloce tra le montagne.

Marco la leggerezza l’ha sempre cercata e sa bene quanto sia importante ridurre al minimo il carico, soprattutto quando si corre in un ambiente ostile, come la montagna o il deserto.

Sì, perchè Olmo, a 68 anni, la settimana prima era in Marocco per correre la sua ventiduesima Marathon Des Sables, una gara a tappe nell’arido deserto africano.

marco olmo

La sera prima della gara, Olmo è stato il protagonista di una serata in cui si è discusso di cosa significa correre, di cosa sia il trail running per lui e di come abbia scoperto questa passione.

Al contrario di quanto ci si potrebbe aspettare da un ex vincitore dell’UTMB, una gara intorno al Monte Bianco molto famosa, Marco non è nato atleta. Infatti, solamente a 30 anni ha iniziato a correre, arrivando tra gli ultimi, almeno così ha raccontato lui, in una corsa vicino a casa.

Da quel momento è iniziata la strada verso i più alti livelli del trail running mondiale; la corsa, come afferma egli stesso, è la sua vita, ciò che lo ha fatto rinascere.

Marco Olmo è un lupo solitario, uno a cui non piace stare al centro dell’attenzione e che, senza falsa modestia, pensa di non aver fatto nulla di speciale.

Una cosa peculiare è il fatto che non si sia portato davanti insieme ai primi alla linea di partenza, come è usanza fare dei corridori professionisti, in modo da non rimanere “bloccati” nelle retrovie e poter prendere subito spazio. Molto umilmente si è messo tra le “persone normali”, salutando tutti e scambiando qualche parola con chi gli stava vicino. In realtà, per molti trail runners di tutto il mondo, specialmente per i “più adulti”, rappresenta un punto di riferimento, simbolo di forza, amore per la vita e per lo sport, dedizione e tanto coraggio.

I momenti di condivisione non sono mancanti neanche una volta che la gara è terminata. Insomma, sia tra i sentieri, come confermano alcuni di quelli che gli hanno corso vicino, sia al di fuori della corsa, Marco Olmo è davvero una persona squisita, piacevole e con la quale si entra facilmente in sintonia.

Se è vero che l’umiltà è ciò che contraddistingue un vero campione, possiamo stare certi di trovarci ad un grandissimo atleta. Lo conferma anche il risultato: Marco Olmo si è piazzato tra i primi posti, superando molti atleti più giovani e dimostrando sul campo, ancora una volta, il perchè sia davvero il simbolo per eccellenza del trail italiano.

Articolo di Daniel Zanatta, trail runner che ha partecipato alla corsa

Avatar for Redazione Zaino in Viaggio
Redazione Zaino in Viaggio

I viaggi sono la nostra più grande passione. Basta uno zaino, un biglietto aereo, una fotocamera e via, si parte.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Click here to subscribe