Droni Da Viaggio: Come Scegliere Quello Giusto?

Quando si parla di droni da viaggio e di quadricotteri, ci sono, essenzialmente, 5 fattori da tenere in considerazione per quanto riguarda la scelta di quale acquistare.

Vogliamo iniziare questo post proprio andando a vedere quali sono questi aspetti e perché presentano un ruolo centrale nella formulazione di un piano di acquisto di un quadricottero. Ovviamente, ci possono essere anche altre circostanze da tenere a mente, ma volendo semplicemente dare una panoramica iniziale riguardo questo argomento, abbiamo preferito fare una selezione.

Prima di elencare i 5 punti, però, dobbiamo fare una premessa: stiamo parlando di un utilizzo del drone per scopri non professionali. Inoltre, vi consigliamo di informarvi riguardo la normativa, per capire quali attività sono permesse e in che termini e quali parametri dobbiamo rispattare per “volare” in sicurezza. Crediamo infatti che sia meglio avere una “fotografia” generale relativa al tema, anche se non stiamo utilizzando questo strumento per lavoro, ma semplicemente per scopri ricreativi.

Qui, ad esempio, trovate un articolo di fine 2016 che fa luce su alcuni dubbi e questioni (ovviamente la normativa potrebbe variare nel corso del tempo e per restare aggiornati potete dare un occhio al sito dell’ENAC).

Ora vediamo insieme quali sono i 5 fattori chiave che possono influenzare la scelta di un modello rispetto ad un altro.

droni da viaggio

Il tempo di volo

Il tempo di volo indica la quantità di tempo per la quale il drone è in grado di sostentarsi in aria e rimanere in volo con una singola ricarica della batteria. Ci sono diversi fattori che determinano la quantità di minuti che il drone può passare in aria prima di dover essere ricaricato. In particolare abbiamo la misura della batteria, il peso e il tipo di manovre che vengono effettuale. Per la maggior parte, tutti i droni hanno un tempo di volo relativamente corto. Stiamo parlando di meno di 25 minuti. I modelli più economici, come quelli che si possono trovare su Aliexpress, per intenderci, sono in grado di rimanere in aria per circa 7 minuti. Invece, i modelli più “importanti”, rimangono in quota anche per oltre 15-20 minuti.

Anche il Mavic Pro rispetta queste tempistiche e a volte supera anche i 20 minuti (se utilizzato nelle migliori condizioni).

Abilità del conducente

Questo è un fattore importante da considerare prima di comprare un drone. Se acquistate un quadricottero che va oltre il vostro livello di abilità, probabilmente finirete con il distruggere il drone. La cosa migliore è quella di migliorare le proprie abilità su un modello economico e poi andare ad acquistare modelli più costosi. Ad esempio, alcuni droni RC, come il Blade Nano QX hanno una tecnologia di sicurezza integrata, che aiuta a stabilizzare il quadricottero. Una volta che vi sentite pronti, potete passare al modello superiore.

Sensore GPS

I sensori GPS solitamente, anche se ci sono eccezioni, si possono trovare solo in droni molto costosi e sono molto utili. Per esempio, i sensori GPS permettono di settare delle specifiche coordinate per il drone. Una volta che è programmato, il quadricottero volerà automaticamente in quel posto. Un’altra funzione molto carina è, senza ombra di dubbio, quella chiamata “torna a casa”. Premendo un bottone, il drone tornerà subito alla posizione originaria di partenza. Ciò è utile, in particolare, quando avete perso di vista il quadricottero.

Specifiche della fotocamera

In questo periodo, potete comprare un drone con una telecamera per soli 50 dollari. Generalmente, più economico è il modello, maggiore è la possibilità che non abbia la FPV, la modalità di visuale in prima persona e la risoluzione non sarà buona. Come per tutte le cose nella vita, si ottiene ciò per cui si paga ;).

Il controller

Il controller, chiamato anche trasmettitore, è quello strumento che permette di controllare e manovrare il drone. La maggioranza dei trasmettitori ha due stick analogici e opera su una frequenza di 2.4GHz. Dei trasmettitori molto buoni sono quelli che trasmettono al momento i dati del drone, come l’altezza, la posizione e la velocità. Tutto ciò contribuisce a rendere eccezionale l’esperienza della navigazione. Alcuni modelli, come il Husban X4 H107D possiedono un monitor LCD integrato.

Infine, non dimenticate di considerare un altro parametro fondamentale: le dimensioni e il peso.

Per trasportare il drone in aereo, ad esempio, avrete bisogno di un oggetto che sia relativamente leggero e che non occupi troppo spazio all’interno del bagaglio a mano. Tenete presente, infatti, che se i motivi per cui lo utilizzate non sono legati al vostro lavoro, il drone dovrà essere un oggetto prima di tutto piacevole da utilizzare e non dovrà rappresentare un ostacolo alle vostre avventure e alla vostra comodità.

 

SCARICA GRATIS IL NOSTRO PRIMO EBOOKhttps://www.zainoinviaggio.it/viaggia-quando-vuoi-guida/

E NON DIMENTICARE DI ISCRIVERTI ALLA NEWSLETTERhttps://www.zainoinviaggio.it/newsletter/

E di entrare a far parte del GRUPPO PRIVATO Zaino in Viaggio su Facebookhttps://www.facebook.com/groups/205018259979417/

Articolo di Daniel Zanatta

Avatar for Redazione Zaino in Viaggio
Redazione Zaino in Viaggio

I viaggi sono la nostra più grande passione. Basta uno zaino, un biglietto aereo, una fotocamera e via, si parte.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Click here to subscribe