Amsterdam: le 5 Cose più Strane da Fare

C’è chi l’ha definita la “Venezia del Nord” grazie alle acque blu dei suoi canali che riflettono gli innumerevoli palazzi d’epoca, chi è attirato dalle sue attrazioni turistiche, chi, amante dell’arte, si reca alla scoperta delle famose opere del post-impressionista Van Gogh, chi invece è spinto dalla voglia di esplorarla in tutti i suoi colori e sfaccettature. Tutto questo è Amsterdam. Questa città può offrire delle esperienze davvero uniche nel loro genere e non stiamo parlando solamente dei famosi coffee shops, dei numerosi musei o del red light district, il quartiere a luci rosse famoso in tutto il mondo. Amsterdam è una città che ha anche molto altro da offrire ai propri turisti ed in questo articolo vi mostreremo cinque esperienze che possono davvero rendere unico il vostro viaggio in questa meravigliosa città! Buona lettura!

Amsterdam
Amsterdam in due parole

Per conoscere al meglio questa bellissima città, bisogna andare un po’ indietro nel tempo. Amsterdam nasce intorno al XIII secolo da un villaggio di pescatori ed è situata vicino ad una diga, chiamata “dam” in olandese, sul fiume Amstel. È proprio dalla sua posizione che prende origine il nome della famosa città: “Amsteldam”, diventata poi Amsterdam. Intorno al 1500, mercanti e marinai resero la città ricchissima, grazie ai traffici commerciali tra il Mare del Nord, le Indie e le Americhe, avendo così la possibilità di mettere il denaro a disposizione della comunità e costruendo la città un passo alla volta.

Oggi, Amsterdam si districa su oltre 100 canali attraversati da ben 600 ponti che collegano tra loro 90 isole, rendendola perfetta per lunghe passeggiate a piedi, in bici o, perché no, per rapidi spostamenti con i vari mezzi pubblici, di cui la capitale olandese è ben fornita. La fama di città tollerante si sparge nel corso degli anni in lungo ed in largo e così, migliaia di hippie e squatters provenienti da tutta Europa si trasferirono qui, trasformando Amsterdam in una città multiculturale che diventò ben presto il simbolo della libertà individuale.

Solo i viaggiatori professionisti tra di voi forse sapranno che la famosa capitale olandese, dal 2010, rappresenta uno dei Patrimoni dell’Umanità Unesco: un piccolo, ma brillante gioiello che grazie ai suoi colori vivaci e alle numerose tendenze culturali, fa sentire ogni turista come a “casa propria”.

Amsterdam, quindi, è proprio una città ricca di sorprese e di storia. Basti pensare alla possibilità di visitare la casa di Anna Frank, ai tanti musei d’arte contemporanea e moderna che attirano sempre più visitatori ogni anno o alle passeggiate sui suoi caratteristici canali, dei must che non possono mancare nella nostra lista di cose da vedere.

canale di Amsterdam

Vi conosciamo bene ormai e sappiamo che non siete i classici turisti, ma volete davvero qualcosa da raccontare al vostro ritorno, qualcosa che possa rendere davvero indimenticabile la vostra permanenza in questa città. In questo articolo vi proponiamo quindi 5 esperienze uniche che faranno in modo di lasciarvi un ricordo indelebile della vostra visita ad Amsterdam.

Vivere il Museum Night Festival

Come abbiamo detto in precedenza, Amsterdam è piena di musei di ogni tipo e per tutti i gusti. Si passa dai classici musei d’arte a quelli più particolari e tipici, come il KattenKabinet, il museo perfetto per gli amanti dei gatti, che potranno ammirare opere d’arte interamente dedicate a questi felini con anche, però, la possibilità di accarezzarne alcuni grazie ai tanti gatti che girano liberamente di qua e di là per tutto il museo. Se invece non siete facilmente impressionabili, un altro museo molto particolare è senz’altro il Micropia, ovvero il primo zoo al mondo che mostra tutte le svariate tipologie di microbi che ci circondano.

Se parliamo, però, di esperienze che lasciano il segno, una di queste è proprio quella che stiamo per descrivervi. Di cosa si tratta? Un piccolo suggerimento: avete presente il film “Una notte al museo”, dove un guardiano notturno del Museo di storia naturale di New York vede le opere d’arte prendere vita al calare del sole? Il Museum Night Festival è molto simile. Certo, le opere non prenderanno vita, ma potrete comunque avere la possibilità di visitare il museo durante la notte. Questo evento prende luogo a partire dal primo sabato del mese di novembre fino ai primi di gennaio e durante questo periodo i musei saranno aperti dalle 19.00 fino alle 2.00 del mattino.

Nella Notte dei Musei, o come la chiamano gli abitanti di Amsterdam “Museum n8”, circa 50 musei saranno i protagonisti di queste serate, accompagnati anche da diversi eventi particolari come workshop, concerti, delizie culinarie e drink all’aperto. Durante il silenzio della notte potrete davvero vivere a 360° la vostra visita al museo, rendendola più divertente e particolare rispetto alla classica “visita turistica”.

Museo Rijks di Amsterdam
Amsterdam Swing

Dopo aver visitato i maggiori musei della capitale, è il momento di lanciarsi in un’avventura un po’ più adrenalinica. Vogliamo quindi suggerirvi un’altra esperienza che vi farà apprezzare ancora di più Amsterdam e le sue meraviglie: l’Amsterdam Swing. Qui avrete la possibilità di lanciarvi letteralmente sopra la città. Ma come funziona? Avete presente quando da piccoli vi dondolavate sull’altalena? Ecco, molto simile è l’ “Over the Edge”. Un’altalena sì, ma gigante. L’Over the Edge è infatti l’altalena più alta d’Europa, dove temerari e amanti del brivido avranno la possibilità di oscillare ad un’ altezza di 100 metri da terra, avanti ed indietro proprio come un’altalena, con ai vostri piedi la famosa torre di Amsterdam.

Questa esperienza è davvero unica nel suo genere e dà la possibilità a tutti i visitatori di vedere la città da un’altra prospettiva, mentre l’adrenalina scorrerà nelle vene di tutto il corpo. Le altalene sono due, entrambe dotate di due posti ciascuna e manovrate da un sistema idraulico. Dall’alto avrete la sensazione di tuffarvi davvero nella città e riuscire a scorgere il porto di Amsterdam e tutte le altre meraviglie di questa città olandese.

Per cui, se non soffrite di vertigini, quest’esperienza unica può farvi davvero godere di un panorama mozzafiato della splendida capitale olandese.

Amsterdam vista dall'alto
Visita al Red Light Secrets Museum

Dopo aver visitato tutte le meraviglie della città e averla vista addirittura dall’alto, seduti su di un’altalena, la prossima avventura che vi suggeriamo è un po’ particolare.

Come abbiamo detto all’inizio del nostro articolo, Amsterdam è famosa non solo per i coffe shops, ma anche per il suo red lights district. Ebbene sì. Il quartiere vanta la reputazione come il posto più trasgressivo di Amsterdam, ma i viaggiatori professionisti sanno bene che si tratta anche di un luogo vibrante e storico. Questa zona è composta in realtà da tre differenti aree: Warmoesstraat, Zeedijk e Nieuwmarkt. Il Red Light District o, come viene chiamato dagli abitanti di Amsterdam, “Rosse Buurt”, vale a dire area a luci rosse, è la zona più antica della città. Naturalmente il quartiere è famoso in tutto il mondo per i suoi night-club e per l’aria di trasgressione che si può respirare tra le sue vie.

Ciò però non significa che non sia un luogo family friendly. Il Red Light District è infatti pieno di bar, negozi, ristoranti ed è frequentato non solo dai turisti, ma anche da gente del posto e da famiglie. La zona, percorsa dai canali dove si succedono numerosi locali notturni e bar, ospita anche un museo. Esatto, un museo ed è proprio questa la terza strana esperienza che vi proponiamo.

Il museo in questione porta il nome di “Red Light Secrets Museum” e si trova esattamente nel cuore del quartiere a luci rosse. Questo museo è ambientato all’interno di un’ex casa chiusa, in una monumentale struttura del 1213, accanto ad un canale del XVII secolo, proprio dietro l’angolo della vecchia chiesa cittadina. Ora vi starete sicuramente chiedendo, ma cosa rende questo museo così strano? In fondo è solo un museo, giusto?

Non proprio. All’interno di questo edificio, infatti, avrete modo di ascoltare tutti i segreti delle donne dell’epoca e visitare le stanze in cui svolgevano la loro professione. Insomma, un vero e proprio occhio che si apre sui segreti del famoso quartiere a luci rosse. In questo museo si entra in un mondo che rimane nascosto e, spesso, visto e giudicato malamente dalla maggior parte delle persone. Può essere considerato un mezzo attraverso il quale vedere con i propri occhi cosa si cela effettivmente dietro questa realtà e leggere le confessioni segrete dei suoi protagonisti.

vita notturna ad Amsterdam
Pranzo al ristorante Instock

Bene, dopo una giornata in giro per la città alle prese con musei notturni, altalene giganti ed un tour dei musei più importanti, è arrivato il momento di consigliarvi qualche esperienza culinaria.

In fondo, quando si scopre una nuova città, oltre a visitarne i monumenti e le vie, si è anche incuriositi nel provare il cibo tipico del luogo. Un ristorante che risponde perfettamente al’aggettivo “strano”, che domina tutte le esperienze di questo articolo, è senza ombra di dubbio il ristorante “Instock”. All’interno di questo ristorante, infatti, gli chef preparano la colazione, il pranzo e la cena con gli avanzi del giorno prima. A primo acchito quest’esperienza può non stuzzicare molto il palato, ma l’esperienza è davvero da provare. Questa tipologia di ristorante segue, infatti, una precisa filosofia: trasformare il cibo in eccesso in pasti deliziosi, così da ridurne lo spreco. Basti pensare al pane, agli avanzi di pesce e carne o alla frutta e verdura imperfetta che ogni giorno viene buttata.

Tutti questi ingredienti, grazie all’inventiva dei cuochi di questo ristorante non-convenzionale, vengono trasformati ogni giorno in deliziose pietanze, chiaramente con la fantasia tipica di alcuni dei migliori chef del mondo.

Sicuramente sarà un pasto particolare, fuori dai canoni del classico ristorante, ma che riesce a comunicare quanto, anche dal semplice spreco, da ciò che si considera “non buono”, possa essere creato davvero un piatto delizioso. Provare per credere.

Ristorante Instock ad Amsterdam
Cena al ristorante Ctaste

Eccoci giunti alla quinta ed ultima avventura particolare che si può fare ad Amsterdam.

Questo ristorante vuole essere la prova che se si elimina un senso, se ne può enfatizzare un altro e, spegnendo le luci, avrete la possibilità di apprezzare ancora di più i profumi e gli odori della cucina. Fin da quando si entra si viene accompagnati da un personale di sala al proprio tavolo, dove una volta seduti, si potrà assaporare le deliziose proposte culinarie proposte dallo chef in totale oscurità, col solo utilizzo degli altri quattro sensi. Un’esperienza sì particolare, ma, allo stesso tempo, in grado di far assaporare a tutto tondo i cibi che vengono proposti.

Continuando a parlare di cibo, un’ultima esperienza assolutamente da non perdere durante la vostra visita nella città olandese, è sicuramente assaggiare le pietanze del ristorante Ctaste. Ctaste è un locale dove si può essere protagonisti di un’esperienza culinaria unica nel suo genere. Qui non si parla di cosa si andrà a degustare, ma piuttosto del come. L’esperienza, in questo caso, avviene immersi nel buio dove poter non solo degustare, ma anche ascoltare, sentire, annusare, parlare, immaginare, provare e divertirsi con il cibo. In questa esperienza plurisensoriale verrete guidati da degli esperti del buio. Un team di camerieri non vedenti, infatti, offriranno ai clienti un servizio unico al mondo e saranno pronti a soddisfare qualsiasi necessità, per rendere l’esperienza indimenticabile.

ristorante al buio ad Amsterdam

Insomma, Amsterdam è davvero una città ricca di sorprese ed in grado di suscitare nei suoi visitatori emozioni indimenticabili. Non importa quanti anni si abbiano, da dove si venga e se si viaggi da soli o in compagnia. Ad Amsterdam si può sempre trovare un posto che possa fare al proprio caso. Sia che si parli di un panorama spettacolare, di tranquille visite agli svariati musei della città o di esperienze culinarie, nella capitale olandese c’è sempre un modo per rendere anche solo una di queste esperienze uniche e particolari.

E voi, viaggiatori professionisti, avete mai visitato Amsterdam? Avete avuto modo di provare qualcuna di queste esperienze? Fatecelo sapere, siamo molto curiosi!

Qui potete trovare un’ottima guida della città!

Articolo di Arianna Bagnoli

SCARICA GRATIS IL NOSTRO PRIMO EBOOKhttps://www.zainoinviaggio.it/viaggia-quando-vuoi-guida/

E NON DIMENTICARE DI ISCRIVERTI ALLA NEWSLETTERhttps://www.zainoinviaggio.it/newsletter/

E di entrare a far parte del GRUPPO PRIVATO Zaino in Viaggio su Facebookhttps://www.facebook.com/groups/205018259979417/

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Contatti

Mail: info@zainoinviaggio.it

Scopri l’ebook gratuito… :)
ebook viaggio
Privacy Policy